13.03.2022 – Sostegno popolare Isolotto e diritto alla casa

Nel corso della Assemblea tre giovani studenti e lavoratori precari raccontano la loro esperienza su due fronti di impegno sociale nel quale sono coinvolti nel quartiere dell’Isolotto e in quello di San Frediano: il gruppo “Sostegno popolare Isolotto” e il movimento per la lotta per la casa. Intrecciamo queste esperienze con le parole del Vangelo di Matteo – “ho avuto fame e vi avete dato da mangiare…” e con una frase di Ignazio d’Antiochia: “È meglio essere cristiani senza dirlo, che proclamarlo senza esserlo”.

Luca descrive l’esperienza del gruppo Sostegno popolare Isolotto che ha trovato una base alla Casa del Popolo di San Bartolo a Cintoia, che è nato all’inizio del 2020 per fronteggiare alcune delle difficoltà emerse nel quartiere tra le persone che avendo lavori precari, si sono trovate in grave difficoltà e al di fuori delle tutele previste. Il Gruppo segue oggi circa 20 gruppi familiari con periodiche distribuzioni di pacchi alimentari. L’approccio non è però caritatevole e assistenzialistico, al contrario l’intento è mutualistico: si vogliono creare conoscenze, relazioni, consapevolezze e capacità per riuscire a “autoproteggersi”. Vengono descritte e condivise le difficoltà e i passi avanti.

L’Assemblea con gli esempi portati dai 3 giovani affronta il tema della casa da diversi punti di vista:

quello della difficoltà a trovare casa in affitto e/o a sostenere i costi per molti giovani, per gli immigrati e in genere per le fasce più deboli della popolazione;

quello molto duro degli sfratti, con la descrizione di situazioni concrete attualmente in corso nel quartiere di San Frediano;

quello della gentrificazione delle città ossia della trasformazione di pezzi delle città – prima abitati anche da ceti popolari che ora vengono espulsi a causa del lievitare dei costi – in sedicenti zone di pregio in virtù di operazioni immobiliari che ne modificano anche la composizione sociale, la storia e la memoria;

quello della carenza di convincenti politiche sociali per l’abitare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.