Home                                            Notizie    Storia    Archivio storico     Incontri Domenicali     Esperienze Educative    Libri    Progetti Condivisi     Echi di Stampa   e-Link      Contatti
    

 VEGLIE

   
 

VEGLIE DI NATALE.

 In parrocchia:

  

1964: Veglia di Natale: “Se il Figlio vi libera sarete veramente liberi”. (in chiesa)

1965: Veglia di Natale : La pace. (in chiesa)

1966 - 4 ottobre: Veglia per la pace. (in chiesa)

1967 – 6 maggio: Le discriminazioni razziali. (sul sagrato)

1967 – 13-14 maggio: Per la pace nel Vietnam.
(piazzale degli Uffizi)

1967 – Veglia di Natale: Natale per il Vietnam e peri popoli oppressi.

1968 –Venerdì Santo: Assemblea di solidarietà con i negri d’America.



In piazza


1969 - Testimoniare la volontà di una pace e di una riconciliazione che passino attraverso la scelta dei poveri.

1970 – L’unità si costruisce dal basso.

1971 – La repressione e la lotta delle masse popolari

1972 – Con il Vietnam vincere la pace.

1973 – Con la resistenza del popolo cileno.

1974 – l’unità dei lavoratori contro la crisi.

1975 – Cristo non nasce nelle chiese ma nella fede delle classi e dei popoli che lottano per la liberazione.

1976 – Per una Chiesa libera da concordati, per uno Stato veramente laico.

1977 – Ricercare le radici del nuovo che nasce nelle lotte delle classi popolari.

1978 – Le esperienze di fede all’interno del processo di liberazione delle masse popolari.

1979 – Una liturgia che si fa vita: “Per la pace, il disarmo incondizionato, un rapporto tra i popoli fondato sulla giustizia, una società rispettosa dei diritti delle giovani generazioni e aperta al loro contributo creativo”.

1980 – Un Natale nel segno della solidarietà: impegno di testimonianza a favore dei terremotati, dei lavoratori licenziati e dei popoli oppressi.

1981 – Veglia aperta agli uomini di pace, a quanti sono scesi nelle strade e nelle piazze per respingere le scelte militariste e incominciare a costruire la pace sulla logia del dialogo, della giustizia, della verità.

1982 – La chiesa dei poveri riconosce la propria collocazione naturale nell’universo degli esclusi perché secondo il vangelo ciò che è debole nel mondo Dio lo ha scelto per distruggere ciò che è forte (Luigi Rosadoni).

1983 – Uniti in un Natale di solidarietà, giustizia, speranza, partecipazione per vincere la paura e la rassegnazione.

1984 – Uniti a quanti, di qualsiasi fede e provenienza culturale, cercano spazi di apertura di fronte al disegno di restaurazione che invade la società.

1985 – L’incontro della Comunità col Vescovo di Firenze – Analisi – Rassegna stampa.

1986 – Vivere il Natale a Firenze a vent’anni dall’alluvione.

1987 – Essere comunità oggi? Come? Appunti di una riflessione comunitaria.

1988 – Natale: La festa, la piazza, la condivisione con gli immigrati per la nascita di una nuova cultura di integrazione fra tradizioni e creatività culturali diverse.

1989 – Riconciliazione, amicizia fra le persone, i popoli, con la natura.

1990 – Contro la guerra cambia la vita.

1991 – Il Natale, I Natali: accentuare nella celebrazione del natale ciò che può universalmente unire; superare le contrapposizioni religiose che stanno tornando ad alimentare nazionalismi, xenofobie, razzismi, per ritrovare le coordinate etiche dei sentieri della pace.

1992 – “Fra uccidere e morire c’è una terza via: vivere-resistere”, motto fatto proprio dalle “donne del digiuno “ di Palermo.

1993 – Ritrovare la speranza, progettare il positivo, ricostruire partendo di resti

1994 – Isolotto 1954-1994. Quarantesimo Natale fra memoria e presente: un’identità comunitaria fondata sulla giustizia e la solidarietà.

1995 – I piccoli passi del quotidiano per progettare insieme il futuro.

1996 – Dacci oggi il nostro pane quotidiano, pane accaparrato, negato e fonte di maledizione; pane condiviso, moltiplicato e fonte di benedizione per tutti.

1997 – Perché i diritti dei bambini e delle bambine non restino solo una dichiarazione.

1998 – Il mio ’68.

1999 – Eresia, anima creativa del millennio.

2000 – Palestina: due popoli una pace.

2001 – L’obbedienza non è più una virtù.

2002 – Il Natale e il lavoro fra retaggio di maledizione e storia di riscatto.

2003 – Diritti e responsabilità: l’unica pace possibile.

2004 - Vincere la paura nel segno della vita che nasce.

2005 - Laicità del Natale.

2006 -

2007 –Germogli di speranza nei luoghi insanguinati dalla guerra e soprattutto in Palestina.

2008 – I diritti o sono di tutti o sono privilegio.

2011 – Nativita' nel segno del nuovo che nasce. Testimonianze,progetti,speranze delle giovani generazioni che occupano le piazze del mondo.

2012 – Condividere percorsi di pace.