Home                      Notizie   Storia   Archivio storico   Incontri Domenicali  Esperienze Educative   Libri   Progetti Condivisi    Echi di Stampa   Link
INVENTARIO Y   '08 Notiziario       Veglie
  W  44 (27/10-02/11)
   

 

31 ottobre 1968
 


Oggi è il quarantesimo compleanno del parto della Comunità dell'Isolotto. E' avvenuto infatti il 31 ottobre 1968 dopo una felice e laboriosa gestazione di 180 mesi! Nello stesso periodo storico nascevano in Italia e nel mondo centinaia per non dire migliaia di comunitù di base.
Non facciamo festa? L'abbiamo anticipata a fine settembre con tre affollati incontri, in piazza Isolotto, alla Casa del popolo, alle "baracche", su: "Leggere il '68 con gli occhi di oggi - l'Isolotto un quartiere protagonista - tre serate per rivisitare la storia con i soggetti di allora e con le generazioni che non l'hanno vissuta - filmati, immagini, canzoni microfono aperto per socializzare interrogativi, ricordi, pensieri".
La nostra festa di compleanno la stiamo celebrando ora con la nostra partecipazione al movimento in difesa della scuola di tutti e per tutti.
Siamo spinti dal bisogno di esserci ancora una volta, di fronte a questo sconsiderato attacco alla scuola. Cercano in ogni modo di rendere le persone più deboli, impaurite, isolate. La solitudine rende inermi, incapaci di reagire, ripiegati su se stessi, toglie coraggio. Al contrario, il fare insieme, il lottare insieme per qualcosa di comune, ci rende forti ed anche "pericolosi " per chi vuole il silenzio. E' la storia di questi nostri quarant'anni.
Portiamo con noi nel movimento la testimonianza di chi ha partecipato con determinazione alla lotta per la trasformazione della società e della scuola fin dal secolo scorso. Questa continuità resistente è solo un piccolo segno. Testimonia la densità culturale del movimento attuale. Esso non nasce dal nulla ma è una fase di un grande processo storico di trasformazione della società e della scuola che potrà essere ostacolato, rallentato ma non fermato dalle attuali politiche di restaurazione. Lo diciamo senza troppa enfasi perché non è una certezza fideistica ma una speranza e una scommessa. Un augurio denso di una lunga storia.

La Comunità dell'Isolotto
Firenze 31 ottobre 2008